Il tessuto connettivo dell’universo

Il più importante strumento del terapista è l’amore: tutte le terapie vengono impregnate d’amore. L’amore è il tessuto connettivo dell’universo, la forza che lo tiene insieme. Il terapista non soltanto si confronta con il paziente per mezzo dell’amore, ma gli insegna ad amare se stesso.

Amare se stessi è un lavoro a tempo pieno e molti di noi hanno parecchio da imparare in questo campo.
The connective tissue of the universe

The most important tool of the therapist is love, all therapies are impregnated with love. Love is the connective tissue of the universe, the force that holds it together. The therapist not only confronts the patient through love, but teaches him to love himself.

To love oneself is a full time job and many of us have much to learn in this field.

Blackburn, England summer 2016

Paa, l’accettazione

122_20091105_82853000_Copy_of_p3

Auro, interpretato da un irriconoscibile  per l’aspetto ma riconoscibile per la bravura,Amitabh Bachchan, ha tredici anni ma il suo aspetto è quello di un anziano signore intelligente e spiritoso. Ha un difetto genetico estremamente raro che provoca l’invecchiamento accellerato. Auro vive con sua madre Vidya (Vidya Balan) e la sua nonna che lui chiama Bum ( a causa del sedere tondo e grande).

Il film si apre con l’arrivo di Amol giovane politico con profondi ideali e con la missione di riportare ordine nel suo paese. Auro e Amol si conoscono ma non sanno di essere padre e figlio. Vidya ha avuto Auro quando era molto giovane e stava compiendo i suoi studi in Inghilterra. Amol disse che voleva diventare un politico e che dovevano aspettare ad avere figli così la ragazza torna in India e cresce Auro da sola scomparendo dalla vita di Amol e non confessandogli che terrà il bambino.

Auro e Amol cominciano ad avere un rapporto dato da circostanze molto divertenti e Vidya è costretta a rivedere la sua volontà di raccontare la verità sul padre a suo figlio.

Oltre al solito intrigo e risoluzione dei sentimenti del cinema di bollywood, Paa racconta la volontà di vivere felici nonostante le condizioni fisiche ed emotive non siano ideali. Auro è un bambino ironico, felice e con una splendida vita sociale. Sua madre lo accetta e lo ama immensamente per quello che è e nonostante sia assolutamente consapevole del poco tempo che suo figlio spenderà sulla terra.

bi-49535

 Spesso l’accettazione non esiste perchè non si vogliono vedere le differenze. Non si può diventare uguali negando le differenze. Esistono e vanno riconosciute. Ogni essere umano è unico. L’ayurveda questo ce lo insegna bene. Ognuno nasce con una sua personale costituzione: non si può generalizzare, non si può uniformare. Ci hanno abituati a standardizzarci in ogni forma: nel lavoro,nella famiglia,nel modo di vestire.

Se si desidera” incontrarsi” l’un l’altro, bisogna anche accollarsi il rischio delle differenze e accettare che queste facciano parte della vita e dell’amore. L’accetazione di sè e degli altri è sempre un’esperienza rivoluzionaria perchè ha in sè una forza che trasforma e che non ti fa guardare il mondo con gli occhi del mondo ma con i propri personali meccanismi ed emozioni interiori. Scoprire come amarsi e vivere nell’accettazione totale diventa un’avventura dandosi la possibilità di lasciarsi sempre soprendere.

Immortale è chi accetta l’istante. Chi non conosce più un domani.

Cesare Pavese, Dialoghi con Leucò, 1947

Ilaria Palmas

+39 3471380936
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: